Albert

    

Diritto di superficie e affrancazione - NEWS

Lo scorso  Giugno sono trapelate notizie sulla bozza di decreto del Ministero dell’ Economia e Finanza (MEF)  contenente le modalità per il calcolo del corrispettivo attraverso il quale è possibile rimuovere i vincoli delle abitazioni in Diritto di Superficie tra i quali quello sul prezzo massimo di cessione. Il Comitato di Quartiere ha avuto la possibilità di visionare la proposta contenuta nel decreto ed il nostro giudizio è sicuramente positivo.

Riteniamo infatti che il MEF sia riuscito nell’ intento di produrre un decreto equilibrato che se da un lato conferma la necessità del pagamento di un corrispettivo per la rimozione dei vincoli gravanti sugli alloggi in Diritto di Superficie dall’altro propone dei valori per questi corrispettivi equi ed in linea con le previsioni di Legge, viene inoltre stabilito il principio che in caso di convenzioni scadute nulla è dovuto per la rimozione dei vincoli.

Come sicuramente ricorderete proprio sui temi dell’equità dei corrispettivi e della non necessità di non pagare alcun corrispettivo in caso di convenzione scaduta, abbiamo presentato due ricorsi al Presidente della Repubblica contro le recenti delibere del Comune di Roma ottenendo tra l’altro già il parere favorevole di accoglimento da parte del Min. delle Infrastrutture e Trasporti (Ministero titolato e competente per la valutazione di questo tipo di ricorsi).

A riprova di quanto detto, qui è riportato un confronto del corrispettivo che attualmente si paga per un appartamento di 100 mq calcolandolo in un caso usando la formula attualmente prevista dalla Delibera del Comune di Roma 116/2018 e nell’ altro applicando il decreto del MEF, il grafico è relativo ad alcuni PdZ tra i quali anche il nostro evidenziato in giallo/sottolineato. Come vedete il decreto del MEF comporta un abbattimento di circa il 70% del corrispettivo e nel caso di Colle Parnaso si passerebbe per un appartamento di 100 mq da un corrispettivo come richiesto dal Comune di Roma di circa 17.000€ ad uno non superiore a 5.000€, qualora venisse confermata la proposta del MEF.

Purtroppo accanto a questa notizia positiva, e come qualcuno di voi può aver già capito dopo aver letto l’articolo di qualche giorno fa apparso su Roma Today, dobbiamo anche informarvi che il Comune di Roma, si sta già muovendo, facendosi scudo dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), per snaturare il decreto, che dovrà essere portato in approvazione alla prossima conferenza Stato-Regioni, introducendo ad esempio una soglia minima di corrispettivo che stante a quanto ci è stato riportato potrebbe essere di diverse migliaia di euro. Se tale tentativo fosse confermato si tratterebbe dell’ennesima dimostrazione, semmai ce ne fosse bisogno, dell’atteggiamento vessatorio tenuto dall’amministrazione capitolina nei confronto dei proprietari degli alloggi in Diritto di Superfice come testimoniato dall‘ultima delibera 116/2018, la cui iniquità è stata ampiamente dimostrata nello studio che questo CdQ ha prodotto lo scorso anno e che vi riproponiamo di leggere sul sito https://www.colleparnaso.it/sites/default/files/STUDIO%20CDQ%20COLLEPARNASO%20DELIBERA%20116-2018_1.pdf.

Come CdQ stiamo vigliando attentamente sulla questione e come al solito vi terremo costantemente aggiornati nel caso dovessero emergere delle novità.